Certe notti

from Maledette Rockstar by Maisie

/
  • Compact Disc (CD) + Digital Album

    31 canzoni, dedicate alle Maledette Rockstar, alle icone, alle figure di riferimento ormai, ahinoi, in decadenza o in via di estinzione.

    Un elegante cofanetto che contiene 2Cd, un libretto in brossura di ben 56 pagine, ricco di illustrazioni, disegni originali di Manfredi Criminale, ispiratosi ai testi delle canzoni.

    Settanta musicisti ospiti per una festa in musica.

    Includes unlimited streaming of Maledette Rockstar via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    ships out within 3 days

      €25 EUR or more 

     

  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.
    Purchasable with gift card

      €1 EUR  or more

     

about

Testo di Alberto Scotti
Musica di Alberto Scotti e Andrea Tich

lyrics

Anna non ha mai fatto l’amore,
per questo le amiche la prendono in giro,
la chiamano “la suorina”, “la verginella”.
Ma Anna non se la prende:
“Dite quello che vi pare,
io aspetto il ragazzo giusto,
la prima volta dev’essere speciale…”
Anna non ha paura di restare in casa da sola di notte,
anche se alla tv danno un film dell’orrore,
tanto lo sa che è tutta finzione:
non è sangue vero, è solo pomodoro.
È solo pomodoro.

In camera ha un grande poster di Ligabue
e sogna di vivere a Correggio

“Non sarà Tokyo ma c’è di peggio,
a me piace perché c’è nato lui.
Quanto sei bello Ligabue.
Sei proprio un uomo selvatico!”

Per Anna è quasi un santo,
una specie di Padre Pio emiliano,
ancor più spartano,
che vive, isolato in campagna,
con la sua compagna:
lei la invidia e un po’ la odia.

“Caro Liga, grazie a te,
son cresciuta forte e coraggiosa.
Ho persino fatto a botte con una punk.
Ma c’è ancora una cosa che mi fa paura:
andare in cucina di notte,
andare in cucina di notte,
in cucina di notte.”

“So che sembra incredibile, ma vi giuro che è vero:
di notte nella mia cucina succedono strane cose.
Sulle pareti appaiono due ombre che si toccano,
si stringono, si aggrovigliano, uoooh…
E poi si sentono dei sospiri, prima flebili, poi più forti
sempre più forti, ancora più forti, sempre più forti, più forti…”

Quella che andiamo a raccontarvi adesso
è l’incredibile storia di una ragazza assetata,
pronta a sfidare le sue paure più profonde
per un sorso di Pepsi ghiacciata.
Ascoltate in religioso silenzio
e preparatevi a tremare:

Era il diciassette agosto
e quella non era una notte come le altre,
era una notte da cosce e zanzare,
era il diciassette agosto…

“Ah Mario, come si sta bene nel tuo bar!
Sì, sto aspettano il Liga, dovrebbe arrivare a momenti.
Intanto versami da bere…
Ah, Mario, Mario la tua Pepsi ha qualcosa di speciale…

No, cavolo, stavo solo sognando…
Dio, che arsura, non resisto più.
Stavolta devo farmi forza e andare a bere in cucina…
e se faccio molto in fretta,
forse i fantasmi non si accorgeranno di me…”

Anna si fece coraggio e andò…

“Il Liga non avrebbe paura
e perciò neppure io devo averne.
Ora apro la porta, esco dalla stanza, vado in cucina,
apro il frigo e mi prendo una Pepsi ghiacciata!”

Anna percorse il corridoio a passi veloci
“non c’è d’aver paura, non c’è d’aver paura!”
si ripeteva.

“Eccoci, ci siamo: Liga, aiutami tu…”

Anna stette per un attimo sulla soglia,
poi entrò e si guardò intorno: tutto sembrava tranquillo.
Ma, improvvisamente, un roco sussurro
la fece trasalire: “Vieni Anna, vieni”, “Vieni Anna, vieni”.

Anna restò immobile, paralizzata dal terrore e poi,
improvvisa, l’illuminazione: “Ma questa voce è del Liga!”

Sei o sette braccia la cinsero con dolcissimo vigore.
“Sei proprio tu Liga? Ma quante braccia hai?”

“Sono io, piccola e ho molte braccia.
Questa è solo una delle tante cose che non sai di me.”

Buzzurro sudato, collana, bracciale,
una moltitudine di braccia.
Liga amatore instancabile,
poeta ribelle, conturbante presenza:
Poltergeist Emiliano-Padano.

Nell’aria roteavano palle di fuoco,
qualcosa di molle usciva dal frigo,
l’anta batteva il ritmo e il Liga cantava:
“Sono in fiamme, baby.
Questo è il rock’n’roll, baby, baby.
Questo è il rock’n’roll.”

Dopo quella notte,
Anna non fu più la stessa:
smise di studiare, di lavorare, di guardare la tv,
di andare al cinema, di fare sport.

Consumò la sua intera esistenza,
sperando vanamente nel ritorno
del pedestre autore di “Metti in circolo il tuo amore”.

“Il Liga mi ha promesso che tornerà e lui non dice bugie…”

Povera, piccola, ingenua Anna,
dolce creatura che, sperando, morì…

credits

from Maledette Rockstar, released January 19, 2018
Bruno Dorella batteria
Valerio Ianitto percussioni
Giacomo Iasilli basso
Nico Sambo chitarre
Max Caronia chitarre
Fabio Brunelli chitarre
Emiliano Rubbi chitarra elettrica centrale
Alberto Scotti sintetizzatori, programmazione, editing
Andrea Tich sintetizzatori, programmazione, chitarre
Walter Sguazzin sintetizzatori
Eugenio Vicedomini hammond virtuale
Gianni Console sax tenore e contralto
Giuseppe Tria glockenspiel
Andrea Campanella clarinetto
Danilo Amato basso tuba
Claudio La Rosa editing batteria
Carmen D’Onofrio narratrice
Cinzia La Fauci Anna
Alberto De Benedetti Ligabue

license

all rights reserved

tags

about

snowdonia Busto Arsizio, Italy

Dal 1997 a oggi abbiamo prodotto un sacco di dischi e ne produrremo ancora. Se voi non li comprerete, pazienza. Rimanere incompresi ci renderà ancora più fighi.

contact / help

Contact snowdonia

Streaming and
Download help

Shipping and returns

Redeem code

Report this track or account

If you like Maledette Rockstar, you may also like: